L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti ONLUS, sezione provinciale di Viterbo, fondata nel 1971 fin dalla sua nascita ha perseguito lo scopo dell’inclusione sociale dei minorati visivi , favorendone la piena attuazione dei diritti umani,civili e sociali. 
Ha individuato dall’origine tre macroaree di problematiche relative alla categoria: ASSISTENZA, ISTRUZIONE, LAVORO; aggiungendo a questi obiettivi la PREVENZIONE delle malattie oculari e dunque la prevenzione della cecità. 
Una particolare attenzione viene riservata agli anziani e soprattutto ai pluriminorati , cioè a coloro che, oltre la cecità, sono affetti da altre disabilità motorie o psichiche, di cui si registra un progressivo incremento negli ultimi decenni. Ancora oggi bisogna lottare affinché questi tre diritti inalienabili vengano garantiti a tutti i cittadini ciechi ed ipovedenti che essa si fa carico di rappresentare. 

Nel Lazio sono presenti circa 12.000 minorati della vista, tra ciechi assoluti e ventesimisti, ai quali vanno aggiunti tutti coloro che non accedendo ad alcuna provvidenza non risultano nei dati dell’INPS. Va sottolineato inoltre che la nuova incidenza di alcune patologie quali le maculopatie e il glaucoma, provocano nella popolazione adulta ed anziana serie diminuzioni della capacità visiva. 
Molti dunque sono i cittadini che si rivolgono a vario titolo alla nostra Unione per chiedere aiuto e supporto per la nuova condizione di minorato visivo che, più o meno improvvisamente, essi si trovano a vivere.

Tutte le attività della Sezione di Viterbo dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di sopra elencate per sommi capi vengono erogate gratuitamente, salva la necessità di consulenti professionisti quando gli stessi non sono reperibili tra i volontari. 
Gli uffici sezionali sono privi di barriere architettoniche. 



 
Sostieni questa sezione dell?Unione Italiana ciechi e Ipovedenti donando il 5 per mille con la tua dichiarazione dei redditi. 
Il codice fiscale da inserire è 80013710563.​​​​​​​
  Site Map